Il dolore neuropatico localizzato:trattamento con lidocaina.

0
(0)

La gestione del dolore di origine neuropatica risulta difficile e comporta delle ripercussioni importanti sulla qualità della vita,in particolar modo in quelle persone che per età e in presenza di altre patologie lo rendono ancora più invalidante.Tutt’oggi non esistono farmaci che si possano definire totalmente efficaci su tutte le forme di di dolore neuropatico e solo in un terzo dei casi i pazienti ottengono una riduzione accettabile del dolore.

Ma quali sono i farmaci maggiormente utilizzati per il dolore neuropatico?

Se consideriamo i farmaci che vanno assunti per via sistemica o in compresse o in puntura o fleboclisi ritroviamo:

  • Antidepressivi triciclici
  • Inibitori del reuptake della serotonina e noradrenalina
  • Anticonvulsivanti come la carbamazepina,gapbapentin e pregabalin.

La loro tollerabilità sul paziente non  sempre e semplice e la riduzione del dolore non sempre è efficace,specialmente nelle persone su di età che di per se soffrono magari giaà di patologie concomitanti di tipo cardiovascolare o del SNC.

I numerosi studi effettuati mettono in risalto e forniscono delle linee guida sulla gestione del dolore neuropatico ;attraverso l’applicazione topica di una sostanza chiamata lidocaina si ottengono dei risultati di gran lunga migliori della terapia per via sistemica.Le patologie concomitanti possedute dal paziente non vengono ad essere influenzate dall’applicazione del cerotto a base di lidocaina che esplica il suo effetto localmente nella sede interessata.

Ma come si riconosce il dolore neuropatico localizzato?

Ci sono degli algoritmi diagnostici a cui il medico deve attenersi nella visita al paziente che soffre di questo disturbo.Cioè il medico dovrebbe riconoscere una zona corporea circoscritta e non più grande di un foglio per stampante,la zona riferita come dolorosa dal paziente e in cui siano presenti segni o sintomi specifici del dolore neuroipatico.

I sintomi del dolore neuropatico sono:

Le persone colpite da questo dolore avvertono un dolore spontaneo di tipo bruciante.

Sentono come una scarica di corrente elettrica e lancinante con aumento della sensazione dolorosa(iperalgesia) accompagnata da allodinia(sensazione di dolore da una cosa che normalmente non lo provoca).

La presenza di questo tipo di dolore nella clinica quotidiana risulta più frequente di quanto si creda e da uno studio condotto di oltre 800 terapisti del dolore si è visto come il 60% di dolore neuropatico localizzato è principalmente presente nelle nevralgie post erpetiche,nelle polineuropatie diabetiche,nelle nevralgie del trigemino,nelle sindromi compressive nel dolore post operatorio traumatico.

La farmacologia moderna ha permesso un notevole miglioramento di questi disturbi con la lidocaina a cerotto composta da uno strato di tereftalato(polietilene) e strato di idrogel adesivo contenente la lidocaina .

La parte morbida del cerotto permette la riduzione della sensazione di allodinia proteggendo la cute interessata da contatti e traumatismi,mentre il gel con impregnata la lidocaina viene assorbita a livello cutaneo in maniera lenta ma costante.

Quanto deve durare la terapia con cerotto alla lidocaina?

L’uso di questo cerotto è consigliato fino alla remissione del dolore;le concentrazioni della lidocaina a livello sistemico sono molto basse e tali da non provocare alcuna reazione nell’uso prolungato.Unica accortezza è verificare la possibile comparsa di irritazione cutanea in caso di ipersensibilità

 

 

 

 

 

 

Come ti è sembrato questo post?

Clicca una stella per votare!

media voti 0 / 5. Vote count: 0

Ancora nessun voto! Vuoi essere il primo?

error: Content is protected !!