Crea sito

Bendaggio nella traumatologia della spalla

muscoli e tendini spalla e braccio

LA SPALLA E’ L’ARTICOLAZIONE PIU’ MOBILE DEL CORPO UMANO;PERMETTE INFATTI DI ORIENTARE IL BRACCIO NEI TRE PIANI DELLO SPAZIO E CONSENTE I MOVIMENTI DI ADDUZIONE,ABDUZIONE,ANTE-RETROSPOSIZIONE DEL BRACCIO OLTRE AI MOVIMENTI ROTAZIONALI AGGIUNTI CHE NASCONO DALLA COMBINAZIONE DEI PRECEDENTI E POSSONO GIUNGERE ALLA CIRCONDUZIONE COMPLETA.
IL COMPLESSO ARTICOLARE DELLA SPALLA E’ FORMATO DA BEN 5 ARTICOLAZIONI DI CUI LA PIU’ IMPORTANTE E’ LA SCAPOLO-OMERALE.
LA STABILITA’ DELLA SPALLA E’ DETERMINATA DA LEGAMENTI E MUSCOLI CHE AGISCONO IN PERFETTO SINERGISMO CREANDO IL COSIDETTO “RITMO SCAPOLO-OMERALE”.
E’  QUINDI UN COMPLESSO ARTICOLARE OVE RISULTA DIFFICILE APPLICARE LE COMUNI TECNICHE DI BENDAGGIO POICHE’ IL REQUISITO DI BASE E’ QUELLO DI NON ALTERARE QUEL RITMO “ SCAPOLO-OMERALE”.

bendaggio dinamico spalla

I BENDAGGI CHE DESCRIVEREMO AGISCONO COME “STABILIZZATORI” ARTICOLARI ACCOMPAGNANDO IL MOVIMENTO FISIOLOGICO FRENANDONE I GRADI ESTREMI CHE POTREBBERO RISULTARE LESIVI.
I BENDAGGI CHE CI ACCINGIAMO A SPIEGARE HANNO LA FUNZIONE DI RIDURRE I MOVIMENTI DELLA SPALLA SENZA ELIMINARLI DEL TUTTO E TROVA INDICAZIONE NEI CASI DI INSTABILITA’ DELLA SPALLA  POST INTERVENTO CHIRURGICO  E DOPO LA RIMOZIONE DI TUTORI CONSEGUENTI UNA LUSSAZIONE DI SPALLA E TROVA INDICAZIONE COME PRIMO MOMENTO PER LA RIPRESA DELLA ATTIVITA’ SPORTIVA.


MATERIALE OCCORRENTE:


BENDA TIPO PORELAST DA 8 CM.
TAPE DA 2,5 E 3,8 CENTIMETRI.
SI PREPARA LA CUTE  PROTEGGENDOLA CON LO SPRAY PROTETTIVO,POI SI TAGLIANO DUE STRISCE DI PORELAST DELLA LUNGHEZZA  DI CIRCA 1 METRO CIASCUNA E SI FORMA UN INCROCIO AD “X” SOPRA L’ACROMION(VEDI FIGURA2)

AVVOLGERE LE ESTREMITA’ DELLA BENDA INTORNO ALLA BASE DEL BRACCIO A LIVELLO DELL’INSERZIONE DEL MUSCOLO DELTOIDE.I RESTANTI DUE LEMBI VENGONO TRAZIONATI DAL LATO OPPOSTO,QUESTI DUE LEMBI RUOTANO DAL LATO OPPOSTO E PASSANO SOTTO IL CAVO ASCELLARE DEL LATO SANO E DOPO ESSERE STATI SORMONTATI UNO SULL’ALTRO SI FISSANO INSIEME.(fig 5)
REALIZIAMO COSI’ UN BENDAGGIO SEMPLICE CHE ,OLTRE AD AVERE UN’EFFETTO STABILIZZANTE SULLA SCAPOLO OMERALE E DI COMPATTAZIONE SULLA ACROMION CLAVEARE,ESERCITA ANCHE UNA SELETTIVA AZIONE DI  INTRA OD EXTRAROTAZIONE DEL BRACCIO A SECONDA DELLA FORZA DI TRAZIONE ESERCITATA DALL’OPERATORE SULL’ALTRO LEMBO DI BENDA ELASTICA.

bendaggio dinamico spalla completamento ESCAPE='HTML'
rinforzo con tape bendaggio spalla

IN CASO DI INSTABILITA’ DELLA SPALLA (ES.LUSSAZIONE RECIDIVANTE),SFRUTTEREMO QUESTA AZIONE ROTATORIA E LA POTENZIEREMO MEDIANTE L’USO DI CEROTTI ANELASTICI,COSI’ DA LIMITARE SELETTIVAMENTE I MOVIMENTI A RISCHIO(FIG 6-7).
IN CASO DI LUSSAZIONE ANTERIORE (LA PIU’ FREQUENTE)PORREMO UNA LIMITAZIONE NEL MOVIMENTO DI EXTRAROTAZIONE DEL BRACCIO.(FIG8).