Crea sito

DISTORSIONE DEL GINOCCHIO

In seguito a movimenti di tipo distorsivo a carico del ginocchio si possono avere dolore e impotenza funzionale al carico.

I legamenti collaterali interni o esterni possono risentirne stirandosi oltremodo fino a  rompersi.

Nei casi di rottura pero' il ginocchio va anche mobilizzato.

Nei casi piu' lievi di 1° grado o al massimo 2° grado, si ricorre oltre ad un periodo di riposo, al bendaggio che ha una funzione di lieve stabilizzazione e propriocettiva ,contribuendo in questo modo a dare una "sensazione" di stabilita'.

In effetti questa articolazione non puo' essere immobilizzata con il taping come invece e' possibile per la caviglia.

Inutile dire che la valutazione medica e' sempre consigliata per escludere altri generi di problmi a carico  del ginocchio.

Di seguito la descrizione dettagliata dell'esecuzione del bendaggio.

  • MATERIALE NECESSARIO:
  • SPRAY PROTETTIVO
  • 1 ROTOLO GOMMAPIUMA
  • BENDA ELASTICA DA 6 CM
  • BENDA ELASTICA DA 3 CM
  • FORBICI SMUSSE

TECNICA PER L'ESECUZIONE

L'ATLETA INFORTUNATO DEVE METTERSI IN POSIZIONE ERETTA  E MANTIENERE  IL GINOCCHIO  IN LEGGERA FLESSIONE.

PER NON FAR STANCARE LA PERSONA  A MANTENERE IL GINOCCHIO LEGGERMENTE FLESSO SI PUO' METTERE SOTTO IL CALCAGNO UN RIALZO DI QUALCHE CENTIMETRO.

Il paziente,in piedi, appoggia il calcagno su uno spessore di circa 4 centimetri.

Cosi' il ginocchio rimane un po' flesso di circa 10-15 gradi favorendo una giusta applicazione del bendaggio.

Si spruzza lo spray protettivo dalla coscia al polpaccio poi si avvolge con lo strato in gommapiuma la zona interessata.

Due ancoraggi,come in figura,vengono realizzati con benda da 6 cm ipoallergenica.

Il doppio ancoraggio  appena sotto il ginocchio con due passaggi sovrapposti senza tensione  a seguire doppio ancoraggio sulla coscia con bende sovrapposte al 50%.

Si procede applicando  le fasce di stabilizzazione laterale con benda inestensibile di 4 centimetri sulla faccia mediale e laterale del ginocchio.I due cerotti inestensibili si incrociano al centro articolare del ginocchio.

Questo garantira' una buona motilita' articolare.

Lato interno:

si applicano in tutto 6 fasce,le prime tre seguono un asse inclinato dal basso verso l'alto e da dietro in avanti, e le altre tre con asse obliquo dal basso verso l'alto e dal davanti all'indietro.

Tutte le fasce sono sovrapposte al 50% con tensione(vedi figura).

Le 3 bende oblique dal basso verso l'alto e da dietro in avanti:

La prima si applica sull'ancoraggio inferiore lato interno,e raggiunge la parte frontale dell'ancoraggio superiore .

La seconda benda si applica sull'ancoraggio inferiore poco piu' dietro della prima e sovrapposta al 50% raggiungendo l'ancoraggio superiore leggermente davanti alla prima.

La terza benda si applica sull'ancoraggio inferiore e dietro la seconda sovrapposta al 50% raggiungendo l'ancoraggio superiore.

Le tre bende oblique dal basso verso l'alto e da davanti all'indietro:

La prima benda sulla parte frontale dell'ancoraggio inferiore,raggiunge il lato interno dell'ancoraggio superiore,passando a livello del centro articolare come tutte le altre.

La seconda benda si applica davanti all  prima ,a livello dell'ancoraggio inferiore,raggiungendo l'ancoraggio superiore dietro la prima.

La terza benda a livello dell'ancoraggio inferiore davanti alla prima e parzialmente sovrapposta ad essa,raggiungendo l'ancoraggio superiore dietro la seconda.

Una volta applicate le 6 bende vengono fissate con bende circolari aperte inestensibili all'altezza degli ancoraggi superiori e inferiori.

 

Sul lato esterno:

Anche qui si dispongono le 6 bende le prime 3 e le seconde 3 come in precedenza con la stessa tecnica.

Le fasce di stabilizzazione antero-posteriore sono 6,di cui 3 al lato mediale e 3 al lato esterno.

Vengono realizzate con benda inestensibile da 4 cm.

Sul lato interno:

La prima benda parte dall'ancoraggio inferiore e con movimento obliquo passa al lato della rotula e gira nella parte posteriore fino araggiungere l'ancoraggio superiore.

La seconda benda viene applicata seguendo lo stesso giro sovrapponendola al 50% cosi' come la terza.

lato interno

Lato esterno:

Le tre bende vengono applicate secondo lo stesso principio ma in modo speculare.

queste 3 bende sono anch'esse fissate a livello dell'ancoraggio superiore con una benda inestensibile circolare aperta applicata senza tensione.

Si protegge adesso il cavo popliteo come descritto nel capitolo della tendinite rotulea.

 

Si completa il bendaggio chiudendolo con delle bende elatiche ipoallergeniche da 6 cm applicate senza tensione sotto forma di fasce circolari.

E' stata lunga ma il lavoro svolto e' buono .complimenti.